Segnali d’allarme nel neonato: fattori di rischio, patologie e modo di agire 

Da Vygon Italia

28 Feb, 2022

Nel 2017, circa 2,5 milioni di neonati sono morti nel mondo durante il loro primo mese di vita. Attualmente, il 75% delle morti si verificano nelle prime settimane. La nascita pretermine, le complicazioni durante il parto, le infezioni e i difetti o le malattie congenite sono la principale causa di morte in questa popolazione (1). 

I primi segnali di avvertimento sulla salute del neonato possono apparire già alla nascita (2). Per questo motivo, la valutazione e la cura precoce rappresentano una strategia globale per ridurre la morbilità e la mortalità infantile (3). Molti di questi segni precoci possono durare alcuni minuti o addirittura ore fino a quando il neonato è in grado di adattarsi alla vita fuori dall’utero (2). 

Tuttavia, in alcune occasioni, il neonato non è in grado di adattarsi a questa nuova situazione e i segni clinici appaiono alcuni giorni dopo la nascita (2). È per questo motivo che la valutazione iniziale dovrebbe essere estesa con uno stretto monitoraggio dei segnali di avvertimento che possono mettere in pericolo la sopravvivenza del bambino (4). 

A QUALI SEGNALI PRESTARE ATTENZIONE E IN CHE MODO? 

I familiari e gli operatori sanitari responsabili della cura del neonato devono essere consapevoli dei principali segnali di avvertimento che il neonato può presentare. Anche se i sintomi anomali in un neonato non sono specifici, la loro origine può essere dovuta a ragioni respiratorie, cardiache, neurologiche… (5) 

SCARSA SUZIONE, IPOATTIVITÀ O CAMBIAMENTO DI TEMPERATURA 

LL’ipotermia è un indicatore comune del fatto che il neonato non è in buona salute. Di solito si presenta nei neonati prematuri o di basso peso alla nascita, malnutriti o che hanno subito procedure cliniche per la depressione respiratoria o l’asfissia. Il neonato con bassa temperatura è ipoattivo, cioè ha una scarsa risposta agli stimoli, così come difficoltà nella suzione o nell’allattamento (2,6,7). 

DISTRESS RESPIRATORIO O DISPNEA 

Si parla di distress respiratorio quando il neonato presenta una frequenza respiratoria maggiore di 60 resp/min, che si manifesta con una svasatura nasale o una retrazione del torace (6,7). Quando la dispnea aumenta, il bambino comincia a mostrare altri segni come la retrazione epigastrica. L’espirazione è breve e può terminare con un lamento, che indica la chiusura espiratoria della glottide e l’aumento della pressione. Il distress respiratorio può essere accompagnato da cianosi, con lividi delle labbra che possono estendersi a tutto il corpo (2). 

È comune nei bambini prematuri e nei neonati con parto prolungato o complicato come conseguenza di una cattiva regolazione della temperatura. Tuttavia, questi pazienti dovrebbero essere esaminati per escludere patologie di origine polmonare (2,7). 

CIANOSI 

Si tratta di una colorazione bluastra della pelle e delle mucose dovuta alla ridotta concentrazione di ossigeno nel sangue. Può essere di origine polmonare o cardiaca, o può essere causata da patologie come la policitemia (2,8). Una grave crisi cianotica può verificarsi in neonati apparentemente sani. Il bambino diventa intensamente cianotico, mostrando segni di ipertonia nei primi momenti, e poi si rilassa in uno stato ipotonico. Questo episodio deve essere indagato per trovare la possibile causa, poiché può essere causato da diversi fattori (2).  

PALLORE 

Il pallore nel neonato è generalmente associato all’anemia. A seconda dell’intensità dell’anemia, il pallore può essere accompagnato da altri sintomi, soprattutto emodinamici (2,6). 

ITTERO

L’ittero può essere patologico o precoce, se si verifica prima delle 24 ore di vita del neonato o un ittero accentuato, quando appare più tardi (6). Il bambino presenta una colorazione giallastra della pelle e delle mucose, generalmente a causa della bilirubina circolante (2,7). Se l’ittero si presenta nelle prime 24 ore, bisogna considerare la possibilità di una malattia emolitica del neonato (2). 

PLETORA 

Il bambino ha un colore rosato o rosso. Questo sintomo è causato dalla presenza di un ematocrito elevato del 60% (2,6,8).  

APNEA 

Assenza di respirazione per 20 secondi o più. Può essere accompagnato da una diminuzione della frequenza cardiaca (2,7). È un segno clinico che appare come un problema secondario ad altre complicazioni subite dal neonato come la sepsi, l’emorragia intracranica o l’insufficienza respiratoria. Quanto più bassa è l’età gestazionale del neonato, tanto più grave è l’apnea (2). 

CONVULSIONI 

Questo è un segno clinico allarmante perché è associato a un grave problema del sistema nervoso centrale (2,7). La causa più comune di convulsioni nel neonato è l’asfissia perinatale. 

VOMITO 

Normalmente il neonato rigurgita occasionalmente una piccola quantità di latte materno, questo è normale. A differenza del rigurgito, il vomito può indicare l’esistenza di una patologia importante (2,7). quando si verifica presto, ovvero entro le prime due ore, può essere dovuto a un’ostruzione intestinale superiore, duodenale. Il vomito che si verifica in seguito alle due ore, se non preso in dovuta considerazione dalla, potrebbe essere causato da un’ostruzione intestinale inferiore, a livello del colon ileale, del sigmoide o del retto (8). Le caratteristiche di colore, contenuto e quantità sono utili per fare una diagnosi precisa (2). 

DISTENSIONE ADDOMINALE 

Si osserva frequentemente nei processi di ostruzione addominale inferiore (digiuno ileale o colon) ed è generalmente accompagnato da una mancanza di eliminazione del meconio (2,7). Il pericolo maggiore sta nell’ipoventilazione dovuta alla diminuzione della mobilità del diaframma (7). 

FECI NEL SANGUE 

Questo è un segno preoccupante, soprattutto nei bambini prematuri. È essenziale distinguere tra rettorragia, sangue rosso fresco, e sangue puro, abbondante e mescolato alle feci, che indica un’enterocolite necrotizzante (2). 

MANCATA ELIMINAZIONE DEL MECONIO 

La clearance del meconio avviene di solito entro le prime 24 ore di vita, anche se è possibile che i feti in sofferenza lo emettano prima della nascita, nel liquido amniotico. L’espulsione ritardata del meconio può essere legata al mal transito intestinale (2,7). 

PRODOTTI CORRELATI

BIBLIOGRAFIA  

Ridurre la mortalità neonatale. (2019). Recuperato il 17 luglio 2020, da https://www.who.int/es/news-room/fact-sheets/detail/newborns-reducing-mortality 

Nazer Herrera, J. (2002). Neonatología (1a ed., pp. 95-103). Santiago del Cile: Colección de textos Universitarios: https://books.google.es/books?id=XPzgMautNZMC&pg=PA95&dq=signos+de+alarma+en+el+reci%C3%A9n+nacido&hl=en&sa=X&ved=2ahUKEwigycHBiNTqAhV75OAKHYXXB5oQ6AEEwBXoECAYQAg#v=onepage&q=signos%20de%20alarma%20en%20el%20reci%20C3%A9n%20nacido&f=false 

Espinoza, V., Barrelo, R., Gérate, K., Espinozaj, L. e Armigo, F., 2001. Importanza dell’applicazione di un protocollo speciale. Sisbib.unmsm.edu.pe. Disponibile presso: <https://sisbib.unmsm.edu.pe/BVRevistas/Paediatrica/v04_n1/importancia.htm> . 

Sánchez Luna, M. et all (2009). Recomendaciones para el cuidado y atención del recién nacido sano en el parto y en las primeras horas después del nacimiento (Raccomandazioni per la cura e l’attenzione del neonato sano alla nascita e nelle prime ore dopo la nascita) (p. 350). Spagna: Anales de Pediatría. Recuperato da https://www.aeped.es/sites/default/files/7-recomendaciones_rn_parto_sen.pdf 

Chaure, I., & Inajeros, M. (2007). Infermieristica pediatrica (3rd ed., p. 59). Barcellona: Università di Barcellona. Disponibile su https://books.google.es/books?id=GcceC86adxUC&pg=PA59&dq=signos+di+allarme+nel+reci%C3%A9n+nato&hl=en&sa=X&ved=2ahUKEwigycHBiNTqAhV75OAKHYXXB5oQ6AEwAXoECAAQAg#v=onepage&q=segni%20di%20allarme%20nel%20reci%20C3%A9n%20 nato&f=false 

Valls i Soler, A., López, I., López, M., García, M., Madrid, M., Santesteban, E., Castillo, F., Ribes, C., Moral, M., Pallas, C. e Fernández, B., 2015. Stato della sicurezza del paziente neonatale. Spagna, pp.47-62. Disponibile presso: <https://www.seguridaddelpaciente.es/resources/documentos/2015/neonatologia.pdf> . 

Méndez, J. (2007). Guia de atención básica del recién nacido sano (pp. 18-20). Honduras: Secretaría de Salud de Honduras. Departamento de atención Integral a la Familia. Recuperato da: http://www.bvs.hn/Honduras/pdf/guiaatencion(bm12).pdf 

Segnali di allarme per i neonati. (2020). Recuperato il 18 luglio 2020, da https://www.studocu.com/pe/document/universidad-andina-del-cusco/clinica-pediatrica-i/resumenes/signos-de-alarma-del-recien-nacido/5342795/view 

Ipotermia nei neonati, come prevenirla 

Ipotermia nei neonati, come prevenirla 

L’ipotermia è un importante fattore di morbidità e mortalità per tutti i neonati, in particolare per i neonati prematuri. La perdita di calore dovuta ai fattori ambientali (evaporazione, convezione, conduzione e radiazione) si...

leggi tutto

Da

Vygon Italia

Vygon Italia è la filiale italiana del Gruppo Vygon. Fondato nel 1962 e basato in Francia, Vygon è tra i leader nella produzione di dispositivi medici per ambiti quali Anestesia, Terapia intensiva, Emergenza ed Urgenza, Neonatologia e Pediatria, Oncologia. In Vygon, progettiamo e proponiamo soluzioni, servizi e dispositivi medici affidabili, per migliorare la qualità della vita durante il suo intero ciclo. Insieme agli operatori della salute garantiamo l'efficacia e la sostenibilità delle procedure terapeutiche con competenza e innovazione. Garantire le migliori condizioni di salute e di vita di pazienti ed operatori è la nostra misione, per questo diciamo Value Life.
Share This